By / 22nd maggio, 2017 / Uncategorized / Off

RIEVOCAZIONI STORICHE NELLE MARCHE

RIEVOCAZIONI STORICHE NELLE MARCHE

Ad aprile riparte la stagione delle Rievocazioni Storiche: momenti non di solo folklore ma pretesto per riattualizzare, attraverso lo spettacolo, pagine di storia delle Marche.

La grande storia delle Marche, attraversata in ogni epoca da eventi e culture che hanno lasciato, nei monumenti e nelle opere d’arte, nei racconti e negli archivi, tracce importanti, trova nuova attualità nelle manifestazioni storiche. Attraverso loro vengono riproposte spettacolarmente alcune pagine emblematiche di questa grande storia:  “rievocare la storia – ha scritto Vittorio Sgarbi – è un modo per sentirla presente e viva e per ispirare i nostri comportamenti ai modelli di una virtù civica e a una capacità di azione che oggi rischiano di essere paralizzate o limitate”.

L’Associazione Marchigiana Rievocazioni Storiche è l’organismo che associa le città “di tradizione” nelle Rievocazioni Storiche (Acquaviva Picena, Ascoli Piceno, Camerino, Cingoli, Corridonia, Fabriano, Fermo, Fermignano, Filottrano, Grottazzolina, Jesi, Mondavio, Mogliano, Montecassiano, Monterubbiano, Offagna, San Ginesio, San Severino Marche, Sant’Elpidio a Mare, Serra Sant’Abbondio, Servigliano, Tolentino) che dal 1993 è impegnato nella valorizzazione del patrimonio storico-culturale delle manifestazioni.

La ricerca delle fonti storiche e lo spirito di forte aggregazione nella collettività locale sono alla base del successo degli eventi. Le feste della memoria permettono di riscoprire il piacere di “costruire” insieme, il gusto della solidarietà e della cooperazione, diventando occasione per vivere momenti significativi di cultura e di svago.

Le rievocazioni storiche, inoltre, contribuiscono alla valorizzazione delle Marche grazie alla ricerca storica delle associazioni che con impegno, passione e sacrificio, propongono straordinari spettacoli che si ripetono mai uguali negli anni. Per questo il contributo che le rievocazioni danno alla valorizzazione del patrimonio culturale delle comunità e alla promozione turistica del territorio è estremamente prezioso. Un lavoro che è veicolo di conoscenza del patrimonio artistico e culturale della Regione, con le sue bellezze ambientali e le sue peculiarità, e supporto alla scoperta del territorio, perché le Marche sono in grado di soddisfare le più diverse esigenze e i differenti interessi del visitatore occasionale e del turista che vuole vivere una vacanza ricca di stimoli e di atmosfere, che le rievocazioni storiche rendono ogni volta sempre nuove.

“Questi eventi – spiega il Presidente dell’A.M.R.S., Giovanni Martinelli – sono di grande importanza dal punto di vista dell’attrattiva turistica e hanno un valore anche sotto il profilo culturale, spettacolare e artistico, oltre che di valorizzazione delle tipicità”. Dietro a ogni evento c’è una grande e approfondita ricerca storica, che coinvolge la gente, con una passione che elimina lo stacco tra l’attuale e la storia.

Anche quest’anno da aprile a settembre le “città della storia” invitano marchigiani e turisti a godere il loro spettacolo, sei mesi di un grande puzzle che coinvolge spettatori e protagonista sulla grande scena della storia. Oltre a fare da volano per il senso di appartenenza a una terra gloriosa come le Marche, le rievocazioni sono uno degli spettacoli in assoluto più amati dai turisti, italiani e stranieri, che raggiungono le località dove si svolgono le manifestazioni e restano rapiti dai colori, dai ritmi, dai valori che vengono riproposti.

L’invito è ad assisterVi. Le manifestazioni dell’A.M.R.S., attraversano la storia delle Marche dalla tradizione del ver sacrum, la leggenda dell’arrivo dei Piceni, sino all’800, passando attraverso alto e basso medioevo, rinascimento, ‘700.