By / 25th maggio, 2018 / Uncategorized / Off

CONTESA DEL POZZO DELLA POLENTA A CORINALDO

CONTESA DEL POZZO DELLA POLENTA A CORINALDO

La Rievocazione Storica più antica della Provincia d’Ancona, ritorna con tre giorni di Festa a Corinaldo, 20-21-22 luglio 2018.

Dopo il rilancio della rievocazione storica nelle scorse edizioni, che ha visto tanta partecipazione e un programma ricco di attività e spettacoli, in questo 2018 l’evento sarà eccezionale; dopo i festeggiamenti del V Centenario dell’Assedio di Corinaldo, 1517/2017, in questa edizione la Contesa compierà 40 anni.

L’Associazione Pozzo della Polenta, in collaborazione con il Gruppo Storico “Combusta Revixi” , sta definendo i dettagli dei tre giorni di festeggiamenti.

Il mercato storico con artigiani e mestieranti, gli artisti di strada, le taverne tipiche, gruppi sbandieratori e musici, animazioni per i bambini, giochi rionali e il suggestivo corteggio storico, caratterizzeranno il fantastico Borgo antico.

Quaranta edizioni della Contesa, sono un traguardo importante per l’intera comunità cittadina, inoltre un appuntamento da non perdere per i tanti turisti, che come in ogni edizione vivranno le nostre tradizioni e conosceranno la nostra storia rinascimentale.

Ricordiamo quindi che la rievocazione storica rinascimentale di Corinaldo, si svolgerà nei giorni 20-21-22 luglio, ad ingresso libero e gratuito, vi invitiamo a visitare il portale web all’indirizzo www.pozzodellapolenta.it .

Il Gruppo Storico Città di Corinaldo porta avanti da anni una tradizione tutta italiana di corteggio ed esibizione di piazza. Durante i festeggiamenti e nei cortei si esibiscono: i musici con tamburi e chiarine a ricreare le lunghe marce cadenzate degli eserciti che andavano in battaglia, accompagnandoli con accurate e spettacolari coreografie; gli sbandieratori, che con le loro esibizioni tecniche riportano in vita i manuali cinquecenteschi del maneggio della bandiera; gli arcieri si esibiscono in scenografici lanci di frecce su diversi tipi di bersaglio, fisso o mobile, con torri umane e l’utilizzo di frecce infuocate che mettono alla prova le abilità di ogni singolo arciere.